Mag 01, 2018

I CAM - CRITERI AMBIENTALI MINIMI

I CAM - CRITERI AMBIENTALI MINIMI
Pubblicati nell'ultima versione in Ottobre 2017, i CAM (Criteri Ambientali Minimi) introducono l'obbligo, per gli appalti pubblici, del rispetto di alcuni punti della norma UNI 11367 di "Classificazione acustica", oltre che ovviamente al DPCM 5/12/97. 
In particolare, al par. 2.3.5.6 del DM 11 ottobre 2017 si legge che: 
- i valori dei requisiti acustici passivi dell’edificio devono corrispondere almeno a quelli della Classe II della norma UNI 11367 (Tabella 1); 
- i requisiti acustici passivi di ospedali, case di cura e scuole devono soddisfare il livello di “prestazione superiore” riportato nell’Appendice A della UNI 11367;
- l ’isolamento acustico tra ambienti di uso comune ed ambienti abitativi deve rispettare almeno i valori caratterizzati come “prestazione buona” nell’Appendice B della UNI 11367;
- gli ambienti interni devono essere idonei al raggiungimento dei valori di tempo di riverbero (T) e intelligibilità del parlato (STI) indicati nella norma UNI 11532.
​A meno del requisito di facciata per le scuole del DPCM 5/12/97, che rimane sempre l'obbiettivo più impegnativo da rispettare (D2m,nT,w = 48 dB), gli altri requisiti sono dunque tutti migliorativi rispetto alla norma nazionale, anche se è necessario sottolineare che i valori limite non sono direttamente confrontabili, in quanto il DPCM 5/12/97 si riferisce ad ogni singola misura, mentre la UNI 11367 fa riferimento ad un indice 'medio' su più misurazioni. Inoltre, vengono presi in considerazione i divisori tra ambienti "simili" della stessa unità (es. divisori tra aule), nonché il comfort interno valutato in termini di T60 e di STI (rif. UNI 11532, recentemente aggiornata).
​i progettisti acustici devono dare evidenza di quanto richiesto, sia nella progettazione preliminare sia in fase di verifica in opera a fine lavori.
​E' interessante sottolineare che qualora al progetto sia richiesta una validazione rispetto ai protocolli di sostenibilità, la conformità può essere dimostrata “se nella certificazione risultano soddisfatti tutti i requisiti riferibili alle prestazioni ambientali richiamate dal presente criterio”. ​
​La sensibilizzazione sui temi acustici viene pertanto ratificata da norme nazionali, e si assiste ad una sempre maggiore attenzione al comfort degli ambienti chiusi sia in tema di acustica che di vibrazioni. 
​Un ottimo auspicio per ridurre la "rumorosità sociale" alle nostre generazioni future !